domenica 30 agosto 2015

Ad Alicudi nasce il Museo dell'Isola: nella scuola più piccola, il racconto dell'infanzia del Mediterraneo

foto: Vera Carusi, Alicudi, 1973
Ancora una volta una scuola, questa volta la più piccola, si trasforma in luogo di raccolta e riscoperta della memoria perduta delle Eolie. Presso la scuola di Alicudi è infatti aperto da pochi giorni il Museo dell'Isola, che raccoglie per la prima volta una suggestiva selezione di fotografie dell'isola più aspra e nascosta dell'arcipelago. Sono sguardi in gran parte inediti, alcuni anonimi, di viaggiatori ammaliati dall'incanto arcaico del luogo, datati 1965 - 1985. Sono fotografie che raccontano il silenzio, l'infanzia, il desiderio, il ritmo cadenzato della terra, del mare, delle feste. Le accompagnano alcuni preziosi testi: impressioni rimaste incise per sempre negli occhi di chi sull'isola arrivò 40 anni fa, racconti di chi invece sull'isola è nato e non l'ha lasciata mai. Le ha raccolte negli anni Teresa Perre, maestra storica di Alicudi, protagonista e voce narrante de L'Ultimo Giorno. Teresa, dopo aver vissuto in prima persona le esperienze pedagogiche d'avanguardia nelle scuole di Milano, un bel giorno di 20 anni fa scelse, per sempre, la scuola di Alicudi. Il Museo dell'Isola, che si realizza oggi con l'Istituto Scolastico Lipari 1 e con il sostegno della Regione Sicilia, è il progetto che forse meglio raccoglie il significato ultimo del suo lungo impegno e del suo modo di intendere la scuola, come primo e insostituibile spazio davvero pubblico, dove la comunità si guarda per la prima volta allo specchio: lo specchio dei propri figli e del loro futuro, lo specchio della propria identità, dei propri ricordi e del proprio passato, che qui assume il profilo del volto perduto del Mediterraneo. Ancora una volta, in mezzo al mare, una scuola di frontiera si scopre museo di un patrimonio immateriale unico sul punto di sparire.  Dopo Stromboli, anche ad Alicudi la scuola ne sarà l'ultimo custode.

Nessun commento:

Posta un commento