giovedì 9 luglio 2009

On line il sito del Museo del Cinema di Stromboli

Dal radicato rapporto fra l'isola di Stromboli e la storia del cinema, inaugurato da Stromboli, terra di Dio di Roberto Rossellini (1949), e riconfermato negli anni da titoli come Isole di Fuoco di Vittorio De Seta (1956), Caro Diario di Nanni Moretti, Iddu di James P. Graham (2006), nasce oggi il Museo del Cinema di Stromboli, come luogo ideale dove raccogliere e restituire all'isola e al pubblico la memoria cinematografica del suo presente.

A partire da oggi è on line la homepage del museo, che in attesa del suo allestimento fisico vive principalmente nella dimensione virtuale del web. Oltre al sito, il museo pubblica infatti aggiornamenti e notizie su questo blog, e dispone già di una sua galleria video dedicata alla storia del cinema girato alle Eolie e alle produzioni del museo. Sarà inoltre disponibile a giorni anche un canale home movies che selezionerà e pubblicherà video testimonianze amatoriali particolarmente significative per l'identità e la storia dell'isola.

Il museo si rivolge al più ampio pubblico dei cinéphiles erranti, dei critici, dei turisti curiosi e dei molti amanti, fedeli e occasionali, dell'isola. Ma soprattutto, a partire da un'intensa attività laboratoriale già avviata da alcuni anni in collaborazione con le scuole, il museo si dirige alle giovani generazioni di isolani, perché conservino consapevolmente l'eccezionale patrimonio non solo naturalistico di cui sono eredi e custodi.

Il Museo del Cinema di Stromboli, che si propone come primo nodo di una futura e più ampia rete dei Musei del Cinema delle Isole Eolie, è un'iniziativa di ZaLab in collaborazione con La Stanza dello Scirocco, con il patrocinio del Comune di Lipari e di Studio Azzurro.

Nessun commento:

Posta un commento